SPRAY URTICANTE - AccademiaDiTiroCatania.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

INFORMAZIONE

Cassazione: "Spray come Armi da Fuoco"
"Le bombolette Spray con Gas Lacrimogeno, Urticante o Paralizzante possono essere considerate alla stregua di Armi da Fuoco: la sola Detenzione, oltre che l'Uso contro persone, è REATO."

Lo afferma la Corte di Cassazione nella sentenza n. 21932. I giudici si sono pronunciati così sul ricorso del procuratore generale della Corte di appello di Brescia contro la sentenza del tribunale lombardo che aveva qualificato come ''arma non da sparo'' una bombol...


Tratto da www.earmi.it
L'Enciclopedia delle Armi - a cura del dott. E MORI

23/06/2006

Le bombolette spray con gas lacrimogeno, urticante o paralizzante possono essere considerate alla stregua di armi da fuoco: la sola detenzione, oltre che l'uso contro persone, è reato. Lo afferma la Corte di Cassazione nella sentenza n. 21932 depositata oggi. I giudici si sono pronunciati così sul ricorso del procuratore generale della Corte di appello di Brescia contro la sentenza del tribunale lombardo che aveva qualificato come ''arma non da sparo'' una bomboletta di gas Cs detenuta da un trentenne extracomunitario. Per la suprema corte, il ricorso del procuratore generale è fondato perché l'art. 2 della legge 110/75 definisce ''armi comuni da sparo" anche quelle a emissione di gas, diversificandole dalle armi ad aria compressa. "La bomboletta in questione", spiegano i giudici, "usata nelle manifestazioni di piazza, contiene una sostanza a effetto irritante ed è quindi idonea a recare grave offesa alla persona costituendo una comune arma da sparo: per questo è punibile la sola detenzione". La Cassazione ha censurato la mancata inclusione dello spray nell'elenco delle armi da sparo, accogliendo il ricorso del pg lombardo e rinviando la decisione sui reati da ascrivere all'extracomunitario alla corte di appello di Brescia. Per parte nostra, ci limitiamo a considerare come l'analogia compiuta tra le bombolette spray e le armi a emissione di gas sia quantomeno impropria e indice della poca conoscenza della tecnologia armiera da parte dei giudici: le armi a emissione di gas, infatti, sono vere e proprie pistole (o particolari scacciacani), predisposte (in genere tramite l'occlusione parziale della canna) per sparare speciali cartucce contenenti gas irritante. Evidentemente, il legislatore ha inteso ricomprenderle nella categoria delle armi da sparo sia perché idonee a sparare vere e proprie munizioni con polvere da sparo (al posto del proiettile lanciano una carica di gas), sia perché teoricamente sarebbe possibile modificarle in modo da far loro sparare normali cartucce a palla. Non è, quindi, la sostanza irritante in quanto tale a essere considerata dalla legge 110/75 come "arma", bensì lo strumento che consente di lanciare il gas, cioé la pistola. Dal tenore della sentenza, inoltre, si deduce che l'analogia compiuta dalla corte riguardi le bombolette contenenti gas Cs, mentre non dovrebbe comunque riguardare le bombolette caricate con capsicum (che infatti non è un gas, bensì un olio essenziale veicolato da un getto di aria compressa).


... AUTOSCUOLE "LA RAPIDA SRL" ...
.CORSI DI PATENTE NAUTICA
..............www.autoscuolelarapida.it
......................CONTATTACI

 
Torna ai contenuti | Torna al menu